Il Plonner: una questione di cuore
Gasthof Plonner Il Plonner: una questione di cuore
Il Plonner: una questione di cuore

CONDIZIONI COMMERCIALI GENERALI PER IL CONTRATTO DI ACCETTAZIONE HOTEL (DATA: OTTOBRE 2009)

I. AMBITO DI VALIDITÀ

1. Le presenti condizioni commerciali sono valide per i contratti di locazione di camere d’albergo ai fini di alloggiamento e tutti i servizi e le forniture dell’albergo prestati in favore del cliente (contratto di accettazione in albergo). Il concetto di “contratto di accettazione in albergo” comprende e sostituisce i termini: contratto di alloggiamento, accoglienza, albergo, camere di albergo.

2. La sublocazione e il noleggio delle camere concesse, nonché il loro utilizzo per fini diversi dal pernottamento necessitano la previa autorizzazione dell’albergo in forma scritta, per cui si vieta quanto espresso nel § 540 paragrafo 1 frase 2 del BGB.

3. Le condizioni commerciali generali del cliente trovano applicazione solo se queste sono state concordate espressamente in forma testuale.

II. STIPULA, PARTI DEL CONTRATTO, PRESCRIZIONE

1. Il contratto acquisisce validità tramite accettazione della richiesta del cliente avanzata dall’hotel. L’hotel può scegliere di confermare la prenotazione della camera in forma scritta.

2. Le parti contrattuali sono l’hotel e il cliente. Se un terzo ha eseguito l’ordine per conto del cliente, egli è responsabile verso l’hotel, insieme al cliente, quali debitori solidali per tutti gli obblighi derivanti dal contratto di accettazione dell’albergo, a condizione che l’hotel disponga di una apposita dichiarazione della terza parte.

3. Tutte le rivendicazioni verso l’hotel decadono dopo un anno a partire dall’inizio del periodo di prescrizione previsto per legge. Le pretese di risarcimento danni si prescrivono dopo cinque anni, indipendentemente dalla conoscenza, a condizione che non si tratti di una violazione della vita, del corpo, della salute o della libertà. Queste pretese di risarcimento si prescrivono dopo dieci anni, indipendentemente dalla conoscenza. La riduzione dei tempi di prescrizione non è valida per le pretese che riguardano una violazione degli obblighi dell’hotel intenzionale o per grave negligenza.

III. SERVIZI, PREZZI, PAGAMENTO, FATTURAZIONE

1. L’hotel è obbligato a tenere a disposizione la camera prenotata dal cliente e a fornire i servizi concordati.

2. Il cliente è tenuto a pagare il prezzo vigente o concordato per la concessione della camera e i servizi da lui richiesti. Ciò vale anche per i servizi richiesti dal cliente e gli esborsi dell’hotel a terzi. I prezzi concordati comprendono l’IVA applicabile.

3. L’hotel, a fronte di una riduzione successiva dovuta al cliente del numero delle stanze prenotate, del servizio dell’hotel o della durata di soggiorno, può vincolare il proprio consenso ad un aumento del prezzo per camera e/o per altri servizi dell’hotel.

4. Le fatture dell’hotel senza data di pagamento devono essere pagate entro 10 giorni dalla ricezione della fattura, senza detrazioni. L’hotel può richiedere al cliente l’immediato pagamento dei crediti esigibili in qualsiasi momento. In caso di ritardo di pagamento l’hotel ha facoltà di richiedere i tassi d’interesse applicabili per legge, dell’ammontare dell’8% o in caso di contratti giuridici in cui è coinvolto un consumatore, dell’ammontare del 5% oltre al tasso d’interesse di base. All’hotel spetta l’onere della prova di un danno maggiore.

5. L’hotel ha facoltà di richiedere al cliente un pagamento anticipato adeguato o una garanzia in forma di carta di credito, un acconto o pagamento simile al momento della stipula del contratto. L’importo del pagamento anticipato e dei termini di pagamento possono essere concordati in forma scritta nel contratto. In caso di pagamenti anticipati o di fornitura di garanzie per viaggi tutto compreso le altre disposizioni di legge restano invariate.

6. In casi motivati, ad es. pagamento arretrati del cliente o ampliamento del contenuto del contratto, l’hotel ha facoltà di richiedere all’inizio del soggiorno, dopo la stipula del contratto, un pagamento anticipato o la fornitura di una garanzia ai sensi del suddetto punto n° 5 o un aumento del pagamento anticipato concordato o della fornitura fino alla compensazione intera concordata.

7. Inoltre l’hotel ha la facoltà di richiedere all’inizio o durante il soggiorno del cliente un pagamento anticipato adeguato o una garanzia ai sensi del suddetto punto n° 5 per crediti esistenti e futuri derivanti dal contratto, a condizione che ciò non sia già stato svolto in base ai punti 5 e/o 6.

8. Su richiesta dell’hotel il cliente può mettere in conto solo un credito incontestabile o permesso dalla legge.

IV. RECESSO DEL CLIENTE (DISDETTA, STORNO) / NON UTILIZZO DEI SERVIZI DELL’HOTEL (NO SHOW)

1. Un recesso del cliente dal contratto stipulato con l’hotel necessita il consenso dell’hotel in forma scritta. In caso contrario, il prezzo concordato per contratto deve essere corrisposto anche se il cliente non ha usufruito dei servizi in contratto.

2. Se tra l’hotel e il cliente è stato concordato un termine per la rescissione gratuita del contratto in forma scritta, il cliente può rescindere il contratto entro tale termine senza dover corrisponde all’hotel pagamenti o risarcimento danni. Il diritto di recesso del cliente decade se non esercita in forma scritta il proprio diritto di recesso verso l’hotel entro il termine concordato.

3. In caso di camere non utilizzate dal cliente, l’hotel deve considerare nel conto la concessione ad altri della camera e le eventuali spese risparmiate. Se le camere non vengono affittate ad altri, l’hotel può richiedere il compenso pattuito in contratto e calcolare un forfait per le spese risparmiate dall’hotel. In questo caso il cliente è tenuto a corrispondere almeno il 90% del prezzo concordato in contratto per i pernottamenti con o senza colazione, il 70% per le sistemazioni a mezza pensione e il 60% per le sistemazioni a pensione completa. Il cliente ha la possibilità di dimostrare che la suddetta pretesa non ha avuto luogo o non nella misura richiesta.

V. RESCISSIONE DELL’HOTEL

1. Se concordato per contratto che il cliente può rescindere il contratto gratuitamente entro un termine prestabilito, l’hotel ha la facoltà di rescindere dal contratto durante questo periodo, se ci sono richieste di altri clienti per le camere prenotate in contratto e il cliente non ha rinunciato al proprio diritto di recesso su richiesta dell’hotel.

2. Se un pagamento anticipato o una garanzia concordata o richiesta secondo il punto III numeri 5 e/o 6 non sono stati eseguiti nemmeno dopo il termine del termine stabilito dall’hotel, questo ha ugualmente facoltà di rescindere il contratto.

3. Inoltre l’hotel ha la facoltà di rescindere regolarmente il contratto per motivi leciti, ad esempio in caso di
- forza maggiore o altre circostanze non imputabili all’hotel, che rendono impossibile la realizzazione del contratto;
- camere o stanze prenotate colpevolmente tramite indicazione errata di circostanze fondamentali per il contratto, ad es. sulla persona del cliente o sullo scopo del soggiorno;
- l’hotel ha motivo fondato per credere che la richiesta dei servizi dell’hotel mettano in pericolo la normale attività, la sicurezza e l’immagine dell’hotel, senza che ciò possa essere dovuto al settore di organizzazione e dominio dell’hotel;
- lo scopo o l’occasione del soggiorno siano in violazione della legge;
- sia presente una violazione del suddetto punto I n° 2.

4. In caso di rescissione lecita dell’hotel non vi può essere alcuna pretesa del cliente di risarcimento danni.

VI. MESSA A DISPOSIZIONE, CONCESSIONE E RESTITUZIONE DELLA CAMERA

1. Il cliente non acquisisce alcun diritto di messa a disposizione di determinate camere, salvo espressamente concordato in forma scritta.

2. Le camere prenotate sono a disposizione del cliente a partire dalle ore 15:00 del giorno di arrivo concordato. Il cliente non ha diritto ad una messa a disposizione precedente.

3. Il giorno della partenza concordato le camere devono essere riconsegnate libere all’hotel al più tardi entro le 10:00. Dopo tale ora l’hotel può addebitare il 50% del prezzo di listino intero in caso di uso al di fuori del contratto fino alle 18:00, al 100% dalle ore 18:00. Da questo uso non derivano prese contrattuali da parte del cliente. Il cliente ha la possibilità di dimostrare che l’hotel non ha alcun diritto di compensazione per l’uso o ne ha solo in minima parte.

VII. RESPONSABILITÀ DELL’HOTEL

1. L’hotel è responsabile sulla base degli obblighi derivanti dal contratto. Si escludono pretese di risarcimento danni da parte del cliente. Fanno eccezione i danni dovuti alla violazione della vita, del corpo o della salute, se l’hotel è responsabile della violazione di un obbligo, altri danni che si basano su una violazione di un obbligo dell’hotel intenzionale o per grave negligenza e danni derivanti da una violazione intenzionale o negligente di obblighi tipici del contratto. Lo stesso vale per le violazioni di obblighi di un rappresentante legale o un collaboratore dell’hotel. Se si dovessero verificare anomalie o carenze ai servizi dell’hotel, questo si prodigherà ad una risoluzione nel momento in cui ne viene a conoscenza o in caso di lamentela immediata del cliente. Il cliente è tenuto a contribuire a risolvere l’anomalia e a minimizzare un possibile danno.

2. L’hotel è responsabile verso il cliente per i suoi effetti secondo le norme di legge. Successivamente la responsabilità si limita al cento per cento del prezzo della camera, tuttavia massimo € 3.500, e per un massimo di € 800 per denaro, titoli e preziosi. Denaro, titoli e preziosi possono essere conservati nella cassaforte dell’hotel o della camera per un valore massimo di € (inserire la somma assicurata dell’hotel). L’hotel consiglia di usufruire di questa possibilità.

3. Se al cliente è stato concesso un parcheggio nel garage dell’hotel o nel parcheggio dell’hotel, anche a fronte di un compenso, non vi è alcun diritto ad una custodia. In caso di furto o danneggiamento di veicoli parcheggiati o manovrati sulla proprietà dell’hotel e per il cui contenuto non è responsabile l’hotel, salvo intenzionalità o grave negligenza. Per l’esclusione di pretese di risarcimento danni del cliente sono valide le disposizioni del punto 1, frasi da 2 a 4.

4. Gli ordini di sveglia vengono svolti dall’hotel con estrema accuratezza. I messaggi, la posta e la consegna di merci per i clienti vengono trattati con accuratezza. L’hotel svolge l’invio, la conservazione e, su richiesta, la spedizione degli stessi a fronte di rimborso. Per l’esclusione di pretese di risarcimento danni del cliente sono valide le disposizioni del punto 1, frasi da 2 a 4.

VIII. DISPOSIZIONI FINALI

1. Modifiche e integrazioni del contratto, dell’accettazione della richiesta o le presenti condizioni commerciali generali devono avvenire in forma scritta. Le modifiche unilaterale o le integrazioni da parte del cliente non sono efficaci.

2. Il luogo di adempimento e pagamento è la sede dell’hotel.

3. L’unico foro competente per le transazioni commerciali, anche per le dispute relative ad assegni e cambiali, è la sede legale dell’hotel. Se una parte del contratto soddisfa il requisito del § 38 paragrafo 2 ZPO e non vi è alcun foro competente a livello nazionale, è considerato foro competente la sede dell’hotel.

4. Vige il diritto tedesco. Si esclude l'applicazione del diritto sulla compravendita ONU e il diritto internazionale privato.

5. Se singole disposizioni delle presenti condizioni commerciali generali dovessero risultare inefficaci o nulle, la validità delle restanti disposizioni resta inviolata. In generale valgono le normative di legge.